Welfare. Patrizia Maestri (PD): “Rafforzare ed estendere le detrazioni per i collaboratori domestici”

La deputata del Partito democratico commenta la ricerca del Censis sul lavoro domestico. Presentata una proposta di legge per rafforzare gli sconti fiscali per le famiglie. 

Il 96,1% delle famiglie che si avvale di collaboratori domestici – colf, badandi, baby sitter –  (oltre 2 milioni di famiglie) non riceve alcuna forma di sostegno, appena il 3,6% usufruisce delle detrazioni fiscali e per il 10,1% delle famiglie la spesa incide per più del 30% del reddito disponibile. Sono questi i dati che emergono dalla ricerca del Censis commissionata da Assindatcolf (associazione nazionale dei datori di lavoro domestico). Un settore nel quale, come emerge dallo studio, nonostante gli sforzi compiuti, circa il 55% degli occupati lavora nel sommerso.

«L’assistenza familiare – dice la deputata Pd – è ormai diventata una forma di welfare complementare a quello pubblico che talvolta, purtroppo, non è in grado di rispondere al meglio alle mutate e crescenti esigenze assistenziali delle famiglie che oggi, nonostante le consistenti spese sostenute per queste figure professionali, non ricevono alcun sostengo dallo Stato se non un limitato sconto fiscale. Per questa ragione mi sono fatta promotrice di una proposta di legge, sottoscritta da oltre 30 deputati del Partito Democratico, per rafforzare gli sconti fiscali per badanti, baby sitter e colf».

«La proposta di rendere interamente deducibile la spesa per collaboratori domestici e familiari è interessante ed effettivamente determinerebbe nel medio periodo un saldo costi/benefici senz’altro positivo. Nel breve periodo occorre tuttavia fare i conti con le risorse disponibili per questo la mia proposta interviene sul rafforzamento e l’estensione delle deduzioni e delle detrazioni già previste. Un primo passo che sarebbe importante condurre in porto già con la legge di stabilità».

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>