Voucher, Maestri (Pd): “Contrastare l’utilizzo improprio dei buoni lavoro. Pubblicata oggi mia proposta di legge”

“Estendere anche alle lavoratrici e ai lavoratori del settore domestico e familiare, e quindi non solo ai committenti imprenditori o professionisti – come previsto dal decreto legislativo n. 81 del jobs act – il limite di compenso di 2.000 euro annui per le attività lavorative che possono essere retribuite tramite voucher, oggi fissato a 7.000 euro”. E’ questa la risposta che la deputata del PD ha codificato in una proposta di legge (A.C. 3363), pubblicata oggi dalla Camera dei deputati, a quanto denunciato ieri sera dalla trasmissione di Rai3 Report sull’utilizzo improprio dei buoni lavoro (voucher).

Secondo l’esponente Pd è ormai chiaro che, in diversi casi, viene fatto un utilizzo irregolare di questo strumento per coprrire il lavoro nero. “I voucher sono stati introdotti nel 2003 come strumento per consentire l’emersione del lavoro irregolare soprattutto con riferimento all’occasionalità di singole prestazioni. Oggi i dati inducono a ritenere che si stia determinando un abuso nell’utilizzo di questo strumento che deve rapidamente tornare allo spirito originario per il quale è stato istituito. L’inchiesta di Report ha messo in evidenza una situazione che purtroppo i dati dell’Inps delle ultime settimane avevano già rilevato: il ricorso indiscriminato ai voucher è lesivo dei diritti dei lavoratori, ne pregiudica le tutele contrattuali e, soprattutto, il futuro previdenziale”.

“Insieme a numerosi deputati del Partito Democratico, già la scorsa settimana, abbiamo rivolto al Ministro del Lavoro un’interrogazione su questa problematica. Ma l’intervento risolutivo non può che essere quello che ho delineato nella mia proposta di legge a partire del lavoro domestico e familiare”.

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>