Truffe e frodi. Maestri (PD): “Approvato un provvedimento importante per la difesa delle vittime”

La Camera dei deputati ha approvato in prima lettura il disegno di legge che inasprisce le pene

“Episodi come quelli che anche in questi giorni stanno avvenendo nella nostra città ai danni di persone anziane e vulnerabili con truffe, frodi e raggiri, approfittando della condizione di obiettiva debolezza di queste persone, spesso indifese, non potranno più restare impuniti ed anzi le pene vengono significativamente inasprite, soprattutto qualora episodi criminosi di questo genere avvengono con l’utilizzo di strumenti telefonici, informatici o telematici”.

E’ di soddisfazione il commento della deputata Pd Patrizia Maestri all’approvazione in prima lettura alla Camera della proposta di legge, di cui è cofirmataria, ‘Modifiche al codice penale e al codice di procedura penale, concernenti i delitti di frode patrimoniale in danno di soggetti vulnerabili e di circonvenzione di persona incapace’. 

“Per la prima volta viene introdotta nel nostro ordinamento una specifica tutela per quelle persone, troppe negli ultimi anni, rimaste vittime di truffatori senza scrupoli che facendo leva sull’emotività delle persone anziane e sulla loro buona fede hanno messo in atto veri e propri raggiri con l’aggiunta della beffa di trovare poco tempo dopo le stesse persone impunite e libere di ‘riprovarci’ con altri malcapitati”.

“La norma dovrà ora essere approvata definitivamente dal Senato” – ha ricordato Patrizia Maestri – “ed è una di quelle proposte di legge che auspico possa incontrare la convinta adesione di tutte le forze politiche. Parlare di sicurezza in televisione o sui giornali è facile ma quella approvata oggi è una risposta concreta che mette al centro la difesa delle persone più deboli”

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>