Stabilimento Laminam, inaugurazione dello stabilimento a Borgotaro Maestri: “Grande soddisfazione, sfida vinta per rilancio montagna”

“Grande soddisfazione per la riapertura dello stabilimento Laminam di Borgotaro, grazie allo sforzo di tutti”. Con queste parole la deputata del Partito democratico, Patrizia Maestri, ha voluto salutare l’inaugurazione della nuova struttura produttiva nel parmense. La deputata non è stata presente all’iniziativa perché impegnata nei lavori parlamentari a Roma ma ha comunque voluto mandare il proprio saluto. “E’ stato un momento importante per i lavoratori, ma anche per tutto il territorio che, ora, torna ad essere una eccellenza del sistema produttivo della nostra provincia”.

L’esponente Pd sottolinea, poi, che questo risultato è decisivo per il futuro di tutto il territorio e che può essere da esempio per altre situazioni. “Questa riapertura – spiega – è il frutto di un percorso non semplice e complesso. Voglio ringraziare tutti, a partire dall’azienda Leminam, leader del settore: hanno creduto nel progetto e ha deciso di fare investimenti per decine di milioni di euro, rinnovando completamente lo stabilimento che verrà presentato ai lavoratori e agli operatori del settore proprio in occasione dell’apertura, a Bologna, del Salone internazionale della ceramica per l’edilizia e l’arredo bagno (Cersaie)”. Importante, secondo Maestri che ha seguito sin dall’inizio questa vicenda, anche il ruolo delle istituzioni che hanno lavorato insieme. “In questa partita hanno giocato un ruolo decisivo il Comune, con il sindaco Diego Rossi e la ragione con l’assessore Palma Costi ma anche il governo che, attraverso la sottosegretaria Paola De Micheli, ha contribuito a creare le basi per arrivare a questa soluzione”.

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>