Province. Maestri (PD): “Impegno comune per il riassetto istituzionale del territorio”

downloadLa parlamentare del PD interviene dopo l’ultima seduta del Consiglio Provinciale di Parma, svoltasi ieri.

«Voglio ringraziare pubblicamente il Presidente Vincenzo Bernazzoli, i membri della Giunta e tutti i Consiglieri che, con grande impegno e serietà, hanno condotto l’Amministrazione Provinciale in questi anni difficili, caratterizzati da crescenti tagli agli stanziamenti, difficoltà operative, continue emergenze da affrontare – penso in particolare al grave dissesto idrogeologico del nostro territorio – e da un riassetto istituzionale ad oggi non ancora ben delineato».

 «Una riforma, tuttavia, era necessaria anche se allo stato attuale mostra alcune criticità e incertezze. Oggi ai Sindaci e ai Consiglieri dei nostri Comuni è rimessa anche la responsabilità di guidare e coordinare l’area vasta, superando particolarismi e campanilismi; a loro è chiesto l’impegno di mantenere viva quell’ottica di insieme che l’Amministrazione guidata da Bernazzoli ha saputo garantire anche nelle difficoltà».

«Occorre fare in modo che pur in assenza di amministratori eletti direttamente la Provincia rimanga un livello istituzionale di riferimento autorevole e capace di incidere nei processi decisionali sovraordinati determinandone gli esiti a favore del nostro territorio. Per questo è necessario definire quanto prima l’assetto organizzativo del nuovo ente provinciale in particolare con riferimento ai lavoratori: la Provincia di Parma dispone di importanti professionalità che non possono essere disperse o lasciate nel libro dell’incertezza; quanto prima anche questo aspetto deve essere definito di concerto con le organizzazioni sindacali».

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>