Pontremolese. Maestri (PD): “97 milioni per proseguire gli interventi di raddoppio sulla linea ferroviaria”

Lo stanziamento è previsto nel contratto di programma MIT ‐ RFI 2017‐2021

 “Una buona notizia per Parma e per la nostra provincia ma per evitare che si ripeta quanto avvenuto pochi anni fa con la sottrazione delle risorse già destinate all’ammodernamento della Parma – La Spezia, occorre che agli stanziamenti segua rapidamente l’avvio delle opere. La sigla del contratto di programma tra il Ministero delle Infrastrutture e Rete Ferroviaria Italiana (RFI) per il prossimo quinquennio conferma l’impegno per il raddoppio della linea ferroviaria che, per lo meno con l’adeguamento dei primi due lotti funzionali Parma – Vicofertile e Vicofertile – Fornovo, potrebbe svolgere un importante servizio metropolitano a servizio del capoluogo e dei comuni della prima periferia”.

Così la deputata Pd Patrizia Maestri ha commentato l’annunciato stanziamento di 97 milioni di euro per il proseguimento degli interventi di raddoppio della linea ferroviaria “Pontremolese”.

“Finanziamenti e definanziamenti, tutti nel giro di pochissimi anni, hanno purtroppo segnato negativamente la storia di questa opera che è strategica per il nostro territorio provinciale, per Parma e per i collegamenti tra il Tirreno e il Brennero. Un’opera che ha anche un grande valore dal punto di vista ambientale perché avrebbe la capacità di deviare un consistente flusso di traffico, pendolare e delle merci, dalla gomma al ferro” – ha spiegato  – “per questo è giunto il momento di passare dalle parole ai fatti. Lo stanziamento di cui abbiamo conferma in queste ore è l’esito del pressing incessante che abbiamo svolto in Parlamento anche grazie al sostegno convinto del Ministro Andrea Orlando che, da spezzino, ha sempre creduto fermamente nella necessità di quest’opera, ma ora serve un ulteriore passo in avanti”.

“Ritengo sarebbe estremamente utile tornare a convocare a Parma, già nelle prossime settimane, un tavolo di lavoro interistituzionale con le Regioni, il Ministero delle Infrastrutture, le Provincie e i Comuni prioritariamente interessati alla realizzazione dell’opera per ribadire la richiesta di tutto il territorio per lo sblocco definitivo dell’opera e il rapido avvio dei lavori”.

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>