Pensioni. Maestri (PD): “Meccanismo perverso ereditato dalla destra che non tiene conto delle condizioni di vita e di lavoro”

La deputata Pd interviene a seguito dell’annunciato incremento dell’età pensionabile a 67 anni

“Il fatto che l’Istat abbia certificato un incremento, nell’ultimo triennio, dell’aspettativa di vita è, in termini strettamente statistici, positivo. Quello che l’Istat tuttavia non ha rilevato è il livello della qualità della vita nel nostro Paese; per questa ragione è perverso ed illogico pensare di mantenere un collegamento causa-effetto tra l’allungamento della speranza di vita e l’età di pensionamento: non tutti i lavori sono uguali così come differenti sono le situazioni personali, famigliari o professionali, per le quali sarebbe quindi necessario prevedere specifiche gradualità e differenziazioni”.

A dichiararlo è la deputata Pd Patrizia Maestri, componente della Commissione Lavoro della Camera dei deputati.

“Quelle che abbiamo davanti sono ancora le scorie della pessima legislazione prodotta dal governo Berlusconi del 2010 e purtroppo rafforzata, in peggio, nel 2011 dalla Fornero” – ha spiegato Patrizia Maestri – “l’uscita a 67 anni dal mercato del lavoro, oltre ad essere improponibile per alcune specifiche attività gravose o usuranti, muove esattamente nella direzione contraria rispetto agli obiettivi che abbiamo perseguito in questi anni e che vogliamo rafforzare con la prossima legge di bilancio: creare nuove opportunità di lavoro stabile per le giovani generazioni. Ma per far questo gli incentivi, pure positivi, non bastano!”.

“L’aumento dell’età pensionabile dovrebbe decorrere dal 1 gennaio 2019. C’è quindi tutto il tempo per rinviare la decisione definitiva di qualche mese lasciando al prossimo Governo e al prossimo Parlamento il diritto di compiere una valutazione più ragionata e meno automatica delle prospettive occupazionali e previdenziali del nostro Paese”.

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>