Pensioni. Maestri (PD): “Bene l’iniziativa di Damiano e Sacconi: stop all’innalzamento dell’età”

Adesione della deputata Pd alla proposta dei Presidenti delle Commissioni Lavoro di Camera e Senato

“L’iniziativa dei Presidenti delle Commissioni Lavoro di Camera e Senato, Cesare Damiano (PD) e Maurizio Sacconi (Epi), per il “rinvio strutturale” dell’adeguamento dell’età della pensione all’aspettativa di vita è più che opportuna e trova il mio convinto sostegno perché si inserisce nel percorso di revisione complessiva della legge Fornero che abbiamo portato avanti in questi anni risolvendo la questione esodati ed introducendo importanti elementi di flessibilità per l’uscita dal lavoro”.

A dichiararlo è la deputata Pd Patrizia Maestri, componente della Commissione Lavoro della Camera.

“Sulla base del sistema di adeguamento automatico all’aspettativa di vita, introdotto nel 2010 da Berlusconi e Tremonti al governo insieme alla Lega Nord, a gennaio 2019 l’età per la pensione di vecchiaia salirebbe da 66 anni e 7 mesi a 67 anni, per poi passare a 67 anni e 3 mesi nel 2021, a 68 anni e 1 mese nel 2031, 68 anni e 11 mesi nel 2041, 69 anni e 9 mesi nel 2051” – ha ricordato Patrizia Maestri – “Così facendo il nostro Paese, in Europa, risulterebbe quello che avrebbe nello stesso momento la più alta età di pensionamento e il più alto tasso di disoccupazione giovanile. Una contraddizione in termini che dobbiamo affrontare e risolvere”.

 

L’impegno per la flessibilità in uscita, ottenuta in questi anni con l’APE, Opzione Donna e i benefici per i lavoratori precoci e gli addetti ai lavori usuranti e gravosi, rischia veramente di essere vanificata da un innalzamento indiscriminato dell’età pensionabile di cui, principalmente, subirebbero gli effetti le donne e i giovani che a causa delle carriere spesso discontinue si vedrebbero condannati ad una pensione di vecchiaia irraggiungibile. Quella di rinviare in modo definitivo questo incremento anagrafico è una battaglia bipartisan e di buon senso che Governo e Parlamento non potranno ignorare”.

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>