Pensioni e lavoro. I parlamentari del Pd incontrano le organizzazioni sindacali dell’Emilia-Romagna

Raccolto l’invito rivolto congiuntamente da CGIL, CISL e UIL. 

Bologna, 19 settembre 2017 – “Rinviare o sospendere l’incremento automatico dell’età pensionabile, ampliare la platea dei lavoratori che possono accedere all’Ape Social e quindi al pensionamento a 63 anni di età, riconoscimento dell’impegno nei lavori di cura domestici per anticipare l’uscita verso la pensione. Sono queste le questioni salienti che le organizzazioni sindacali regionali ci hanno posto e che abbiamo raccolto in vista della predisposizione della prossima legge di bilancio”.

Così la deputata Pd Patrizia Maestri che insieme ai colleghi Tiziano Arlotti, Davide Baruffi, Andrea De Maria e al senatore Giorgio Pagliari ha partecipato all’incontro svoltosi presso la sede regionale della CISL Emilia-Romagna.

“L’incontro è stato l’occasione per un confronto sulla situazione economica generale e del mondo del lavoro. Previdenza e lavoro per i giovani sono le priorità: sulle pensioni occorre completare gli interventi inseriti nella legge di bilancio dello scorso anno, mentre sui giovani sosteniamo l’idea di introdurre incentivi specifici e strutturali per rendere veramente conveniente l’inserimento delle nuove generazioni, a tempo indeterminato, nel mondo del lavoro. Con i sindacati abbiamo inoltre condiviso la necessità di non dimenticare le tante crisi aziendali ancora aperte e che rischiano di avere risvolti sociali drammatici se non ci sarà una verifica puntuale degli strumenti di ammortizzazione sociale disponibili”.

“Crediamo che attraverso la condivisione con le organizzazioni sindacali e datoriali sarà possibile proporre strumenti efficaci che consentiranno al nostro Paese di intercettare appieno la ripresa economica in corso; riteniamo quindi importante che nelle prossime settimane prosegua il confronto già avviato col Governo e il Ministro del Lavoro Poletti e ci siamo messi a disposizione per intervenire in sede parlamentare ove sarà necessario per rafforzare gli strumenti che la legge di bilancio metterà in campo.”

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>