Mercatone in amministrazione straordinaria, Maestri: “Salvaguardare i lavoratori e valorizzare la rete di vendita”

Il Ministro della Sviluppo Economico, Federica Guidi, ha firmato il decreto per concedere l’amministrazione straordinaria del Gruppo Mercatone Uno, ed ha nominato tre commissari. La catena di negozi ha anche due punti vendita a Parma e sono circa ottanta i lavoratori che rischiano il posto. Soddisfatta la deputata parmigiana del Partito democratico Patrizia Maestri. “L’ammissione all’amministrazione straordinaria (cosiddetta Legge Marzano) – sottolinea – è una buona notizia che crea le basi per la salvaguardia dei livelli occupazionali e la valorizzazione dei due negozi cittadini”.

Da tempo l’onorevole Maestri, che è membra della commissione Lavoro, si è adoperata per evitare ulteriori licenziamenti. “Nelle scorse settimane, insieme ai colleghi deputati Pd di tutta la regione – spiega – avevamo interrogato il Governo per chiedere un’iniziativa urgente dei Ministri dello Sviluppo Economico e del Lavoro al fine di accompagnare il gruppo Mercatone verso un percorso che consentisse di dare continuità all’attività di vendita pur in un’ottica di ristrutturazione del debito che consentisse il rilancio dei punti vendita locali anche attraverso la loro cessione ad altri gruppi industriali; un’azione che si è rilevata utile e tempestiva”.

Un primo passo avanti per la risoluzione della vicenda è stato fatto, certamente la strada per arrivare ad un lieto fine è ancora lunga. Per questo Maestri sottolinea la sua “vicinanza e il sostegno ai lavoratori coinvolti in questa crisi che, ancora oggi, vivono questo momento con grande preoccupazione e incertezza”.

La speranza, naturalmente, è quella di trovare una soluzione per tutti i lavoratori. “I passaggi necessari per la salvaguardia dei posti di lavoro sono stati compiuti e speriamo daranno i frutti sperati. Ora la partita è nelle mani dei commissari straordinari ai quali voglio esprimere fin d’ora la massima fiducia”.

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>