Jobs act, Maestri: “Estendere a tutti i lavoratori stagionali, anche ai termali, la disciplina di indennità di disoccupazione del turismo”

“Estendere a tutti i lavoratori stagionali a partire da quelli del settore termale, l’indennità di disoccupazione prevista dalla Naspi completa, già prevista per i lavoratori del settore turismo”. E’ questo l’obiettivo della deputata parmigiana del Partito democratico Patrizia Maestri, relatrice in Commissione Lavoro del parere sul decreto legislativo sul riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali. “Non è possibile – spiega Maestri – che chi lavora solo pochi mesi abbia una penalizzazione rispetto ad altri lavoratori”.

La parlamentare Pd ci tiene a sottolineare la sua massima attenzione rispetto al tema dei lavoratori stagionali, in particolare rispetto a quelli del settore termale. “In qualità di relatrice, con il consenso della Commissione – ha detto Maestri – ho inserito nel parere, che sarà approvato la prossima settimana, questa specificazione sui lavoratori stagionali termali dopo aver raccolto la disponibilità del Governo ad accogliere alcune delle osservazioni della Commissione prima di varare, in via definitiva, il decreto”. La richiesta era presente anche all’interno di una precedente mozione per il rilancio del settore termale che era stata presentata alla Camera. “Si tratta di una richiesta legittima – continua l’esponente Pd – formulata anche dalle organizzazioni sindacali e dai lavoratori e che avevo fatto inserire anche nella mozione sul rilancio del settore termale depositata a inizio luglio alla Camera e sottoscritta da 70 deputati, tra cui la sottoscritta, e che verrà presentata ufficialmente la prossima settimana”.

Maestri, poi, dà uno sguardo anche alla situazione della nostra provincia che ha molti interessi nel settore del termalismo. “E’ una norma importante – conclude – attesa da molti lavoratori anche della nostra provincia. E’ positivo che alla Camera vi sia una significativa sensibilità trasversale sul termalismo nel nostro paese; un settore che occupa oltre 60mila addetti molti dei quali impiegati solo in determinati periodi dell’anno e che è necessario tutelare nel far fronte ai periodi di disoccupazione involontaria connessi all’alta stagionalità del comparto”.

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>