Rai, Maestri interroga Ministro Guidi: “Risolvere problemi di ricezione nel parmense. Usare i fondi del contrasto all’evasione del canone”

Oltre 40 deputati hanno sottoscritto l’interrogazione presentata come prima firmataria dalla deputata Pd Patrizia Maestri riferita alle problematiche di ricezione del segnale TV Rai nelle aree di montagna. Problematica che si protrae ormai da diverso tempo, a partire dall’introduzione del digitale terrestre.

“L’UNCEM si è schierata con decisione a fianco dei cittadini del comuni montani che, pur pagando da sempre il canone, non sono messi nelle condizioni di poter fruire con regolarità del servizio pubblico – ha spiegato la deputata democratica – è un problema noto da tempo ma che Rai Way, proprietaria degli impianti di trasmissione, non ha ancora affrontato e risolto”.

“L’inserimento del canone Rai nella bolletta elettrica, come previsto dalla Legge di Stabilità 2016, consentirà di contrastarne in modo efficace l’evasione, oggi attestata ben oltre il tollerabile in un paese civile, e di reinvestire parte dei maggiori proventi in una prima riduzione della tassa che si attesta ora a 100 euro all’anno. Un dato importante ma non ancora sufficiente”.

“E’ necessario attivare immediatamente un tavolo di monitoraggio con le regioni e i comuni per definire un piano straordinario per il potenziamento degli impianti di diffusione del segnale Rai e per porre rimedio alle problematiche di ricezione denunciate dai cittadini dei comuni montani. Chiediamo pertanto al Governo di impegnare Ray Way in questo senso, con un investimento che potrà essere finanziato con i maggiori incassi conseguenti al radicale contrasto all’evasione del canone”.

You may also like...

2 Responses

  1. Ivano Pesci scrive:

    Il segnale TV è veramente una PENA- Si deve spendere molto per acquistare delle PARABOLE speciali e senza avere nessun RISULTATO –
    Per il Ponte sul Taro, è vero che serve manutenzione, ma è anche vero che il TARO si è ridotto del 50% il LETTO DEL FIUME E SE DOVESSE CAPITARE COME NEGLI ANNI 80 CHE E’ CROLLATO IL PONTE DELLA FERROVIA A CHI SI DEVE LA RESPONSABILITà Se il letto del fiume è di un chilometro chi a collaborato per ridurlo a 500 m ? Se ci sono dei MORTI chi li PAGA? Vogliamo guardare prima che succeda ? Piangere dopo NON SERVE!

  2. Ivano Pesci scrive:

    Ciao sono Ivano Pesci , Da maggio a ottobre vado a Case aselli Tra S. Andrea Bagni e Santa Lucia , nel comune di Medesano –
    Con la televisione ed il telefono è un VERO DISASTRO – SI SPENDONO UN SACCO DI SOLDI E NON SI VEDE QUASI NIENTE – Onorevole Maestri veda se riesce a sistemare questa situazione Ivano Pesci

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>